BONSAI LOROPETALUM

DESCRIZIONE
Il Loropetalum è un bonsai scenografico e accattivante, con foglie rosse e fiori "scintillanti" che lo fanno subito notare tra i suoi compagni dominati dal classico colore verde.

Facile da coltivare e generoso nella fioritura, regala quel tocco di colore in grado di ravvivare l'ambiente nel quale vive, chiedendo solo il minimo indispensabile per vegetare in salute.

In sintesi, un bonsai che non passa inosservato e che regala una fioritura emozionante.

ESPOSIZIONE 
In primavera, è conveniente che sia collocato in pieno sole, per ottenere foglie piccole e internodi corti, con un'abbondante fioritura. 
In estate, si può collocare il bonsai in una posizione dove rimanga esposto al sole di mattina e ombreggiato nel corso del pomeriggio.
In autunno, come in primavera, va ricollocato in pieno sole. Una esposizione ben illuminata, permette al bonsai di vegetare ancora e di arrivare all’inverno in condizioni ottimali. 
In inverno, nelle regioni del centro-sud lo si può tenere tranquillamente all’esterno, mentre nelle regioni del nord, con temperature che scendono di frequente sottozero, sarà opportuno ripararlo sotto una tettoia.

ANNAFFIATURA

Le irrigazioni vanno eseguite regolarmente, quando il terreno si presenta asciutto; bisogna annaffiare bene, bagnandolo 2 volte a distanza di qualche minuto, in modo da essere certi che l’acqua venga assorbita da tutto il substrato. 
Anche d’inverno occorre annaffiare con regolarità, naturalmente allungando gli intervalli tra le irrigazioni e, soprattutto, annaffiando solamente quando il terreno è asciutto.

POTATURA
La potatura di formazione si effettua in inverno, da dicembre a marzo, eliminando tutto quello che non serve alla realizzazione dello stile desiderato. 


PINZATURA
Nel mese di giugno, quando saranno caduti i fiori, si procede alla pinzatura. Questa operazione, utile per mantenere la chioma fitta ed uniforme, si effettua con la forbice lunga e consiste nell’accorciare i nuovi rametti al livello del primo o secondo internodo, quando i rametti stessi avranno prodotto almeno 5 internodi

RINVASO
Il Loropetalum è una essenza mediamente vigorosa, perciò, il rinvaso va effettuato ad anni alterni; in ogni caso, prima di procedere al trapianto, occorre togliere il bonsai dal vaso e controllare se ce n’è veramente bisogno. 
Il periodo migliore per il rinvaso coincide con il riposo vegetativo invernale (da dicembre a marzo). L’operazione si effettua riducendo circa della metà l’apparato radicale con la forbice per radici, lasciando integro il pane di terra per la restante metà, come si fa per tutte le piante sempreverdi.
Il terriccio deve avere un buon drenaggio, perciò, si può utilizzare la terra Akadama assoluta,  oppure mescolata con altri terricci (tipo, terriccio pronto). 


CONCIMAZIONE
Le concimazioni devono essere effettuate da aprile a settembre, sospendendole solamente quando ci sono i fiori aperti . Per ottenere una ricca fioritura, conviene utilizzare concimi non troppo azotati, come il Biogold, oppure l’Aburukasu.

APPLICAZIONE FILO
La modellatura con il filo di alluminio ramato si effettua da marzo a ottobre. controllando ogni 15 giorni il filo avvolto sui rami, per evitare che la corteccia rimanga segnata. Oppure si possono utilizzare i martinetti, con i quali si ha un minor pericolo di lasciare segni sulla corteccia.

DIFESA DAI PARASSITI
Questo bonsai, normalmente non viene attaccato da parassiti, a meno che non venga contagiato da qualche bonsai vicino. L'unica patologia alla quale potrebbe andare incontro è il marciume radicale, provocato dalle eccessive annaffiature, perciò come già scritto, ricordarsi di annaffiare solo quando il terriccio è asciutto.