Lavori Luglio

Luglio è il mese più caldo e più secco dell’anno; in questo periodo non si effettuano particolari lavorazioni, se non qualche cimatura, l’avvolgimento dei nuovi rametti che si sono lignificati, la protezione dal sole, la difesa dai parassiti e, soprattutto, un’adeguata irrigazione dei bonsai.

.

ESPOSIZIONE
tutti i bonsai devono rimanere ombreggiati, almeno nel pomeriggio; infatti, anche le piante che amano il sole (Pini, Ginepri, Sughere, ecc.) potrebbero soffrire a causa del sole che, investendo i vasi, porterebbe la temperatura del terreno a valori insostenibili, con conseguente blocco delle funzioni vitali da parte delle radici.
A questo scopo, può essere di aiuto una copertura realizzata con la rete ombreggiante.

 



ANNAFFIATURA
il fabbisogno idrico delle piante è al massimo; un solo giorno senz’acqua, su alcune piante (Acero, Faggio, Serissa, ecc.) potrebbe provocare danni irreparabili, perciò, conviene valutare l’opportunità di istallare un impianto di irrigazione a goccia, che annaffia i bonsai tutti i giorni.
Di sera i vasi sono ancora caldi, quindi, per evitare stress alle piante, è meglio annaffiare al mattino quando la temperatura della terra contenuta nei vasi è più vicina a quella dell’acqua del rubinetto. Le irrorazioni sulla chioma, effettuate con un nebulizzatore, sono molto salutari, a patto di effettuarle in assenza di sole, altrimenti le goccioline farebbero ”effetto lente” ustionando le foglie.

.

POTATURA
in estate non si effettuano potature, però, si possono accorciare i nuovi germogli, avendo l’accortezza di non cimare continuamente ma, aspettare che siano spuntati molti getti, quindi procedendo alla spuntatura di tutti assieme in una sola volta (l'operazione si effettua con la forbice lunga, facendo passare almeno un mese tra una cimatura e l'altra). Per i pini si opera allo stesso modo, accorciando le “candele” con la forbice per conifere, quando sono lunghe almeno 4 centimetri.

.

RINVASO
in luglio non si effettuano neanche i rinvasi: toccare l’apparato radicale in questo periodo avrebbe un esito fatale per qualunque pianta. Invece, è molto opportuno cambiare di vaso (senza toccare le radici) quelle piante che vivono in contenitori troppo piccoli e che risentirebbero negativamente dell’eccessivo caldo di questo mese.

.

CONCIMAZIONE
il forte caldo induce le piante ad una stasi vegetativa, perciò, le concimazioni devono essere sospese per tutto il mese. Se abbiamo qualche bonsai sofferente che ha bisogno di “una spintarella”, invece del concime possiamo somministrargli della vitamina B nebulizzandola sulle foglie, una volta a settimana.

.

APPLICAZIONE FILO
il filo in alluminio può essere applicato praticamente a tutte la piante; naturalmente, dobbiamo ricordarci di controllare almeno ogni 10-15 giorni che i rami non rimangano segnati.

.

 

 Forbice Lunga Sensei

Vitamina B                                                                       Forbice Lunga                                                            Anticocciniglia

 

TRATTAMENTI ANTIPARASSITARI
osservare con molta attenzione i bonsai per debellare immediatamente eventuali attacchi di Cocciniglie, Afidi e Funghi in genere. La profilassi, effettuata con trattamenti preventivi, è il sistema migliore per proteggere i bonsai dai parassiti. Per una maggiore efficacia, è consigliabile effettuare i trattamenti una volta a settimana, alternando l'insetticida 
con
l'anticocciniglia e l’anticrittogamico.
Inoltre, in questo mese c’è l’exploit di uno dei più insidiosi parassiti animali: il ragno rosso: se la nostra collezione comprende dei bonsai di Olmo, dobbiamo essere pronti ad intervenire con un buon acaricida
, visto che tale essenza viene infestata quasi regolarmente dal minuscolo acaro, ingiallendo e perdendo repentinamente l’intero apparato fogliare.